Si pubblicano i link ai documenti contenenti gli esiti ottenuti a chiusura dell’indagine statistica sulla DAD. Nel report è contenuta l’analisi e l’elaborazione delle risposte fornite dagli studenti. Nel secondo documento si possono visualizzare le 359 risposte degli studenti che hanno aderito al sondaggio. Le risposte, anonime, possono essere visualizzate individualmente oppure con un riepilogo attraverso aerogrammi ed istogrammi. 

Il questionario è stato compilato da 349 studenti su 771 iscritti ai corsi diurni e da soli 10 studenti su 56 iscritti al corso serale. In termini percentuali hanno espresso la loro opinione sulla DaD il 45% degli studenti del diurno e il 18% degli studenti del serale. Una buona percentuale al diurno che riteniamo possa essere rappresentativa dell’intera popolazione studentesca del Curie con un margine di errore accettabile nei risultati.

 

Report Indagine sulla DAD                                               Risposte date dagli studenti

 

Come in parte ci si aspettava anche nella nostra scuola un’alta percentuale di studenti boccia la DAD.

Infatti, emerge dal loro punto di vista (nostro!) un giudizio negativo sulla didattica a distanza per diversi motivi come mancanza di attenzione e concentrazione (62,3%), maggiore difficoltà nella comprensione degli argomenti trattati (53,2%), aumento dello studio individuale e dei compiti (84,4%). 

Poi viene a galla che la scuola in presenza è anche un luogo di aggregazione dove si riesce meglio ad aprire la mente e a costruire relazioni, dove si impara a interagire con gli altri. Lo dimostra il fatto che, durante la DAD, gli studenti percepiscono una maggiore difficoltà ad essere integrati nella classe (lo dice il 49% di loro) e rilevano una maggiore fatica ad intessere relazioni con i pari (41,2%). 

Da qui nasce la consapevolezza negli studenti di non voler utilizzare questa metodologia (lo dice il 50,2% dei rispondenti) dopo il rientro dall’emergenza sanitaria rispetto a chi vorrebbe istituzionalizzarla e avvalersene anche in futuro (32,7%); il 17,1% si mantiene neutro.                                       

Un grazie va innanzitutto agli studenti del Curie che hanno risposto al questionario e ci hanno permesso di mettere in piedi questa interessante attività di statistica. La nostra riconoscenza va ai rappresentanti di istituto e di classe nonché a quei coordinatori di classe che hanno fatto da tramite con gli studenti per la compilazione del questionario lasciando loro pochi minuti a inizio o a fine lezione e fornendo supporto quando è stato necessario.

Infine esprimiamo la nostra gratitudine al prof. di matematica e al direttore dell'Istituto di Statistica della Provincia di Trento, dott. Vincenzo Bertozzi, che ci hanno guidati in questa esperienza unica nel suo genere.

 

Gli studenti di 3° WEM

 

PIANO GIOVANI DI ZONA

DI PERGINE VALSUGANA E DELLA VALLE DEL FERSINA

 
 
Il progetto, rivolto a studenti e docenti dell’Istituto M. Curie di Pergine, prevede il coinvolgimento, come soggetto attivo, degli studenti della Consulta dei Giovani di Pergine e, indirettamente, degli organi istituzionali del territorio (Comune e Comunità di Valle). Il progetto intende promuovere l’educazione allaCittadinanza e alla Costituzione e mantenere vivo il senso di appartenenza alla comunità scolastica attraverso la partecipazione studentesca, lo sviluppo delle competenze relazionali e trasversali deglistudenti eletti rappresentanti di classe per la gestione dei momenti assembleari in presenza e a distanza, attraverso relazioni costruttive con le diverse componenti scolastiche.

 

 
Il 28 settembre ha preso il via l'innovativo progetto per le scienze motorie e sportive "La scuola fuori dalle mura", dedicato a tutte le classi quarte e quinte del nostro Istituto.
Niente aule tradizionali e palestra scolastica, ma solo ambiente naturale e territorio, parchi, lago, montagna, piste ciclabili, beni artistici e architettonici, campi sportivi saranno i luoghi di studio, sport e apprendimento per i nostri studenti.
Con i docenti di scienze motorie, Guide alpine, maestri di sci, tecnici ed esperti, tutte le classi quarte e quinte ogni mese saranno protagoniste di un'uscita di 6 ore da ottobre a giugno: kayak, trekking storico culturali e naturalistici, arrampicata sportiva, sci alpino e slittino, ciaspole, orienteering, frisbee, mountain bike. 
Grande occasione di salute e benessere, pagaiando verso la vita.
 
                                                 Dipartimento di Scienze Motorie e Sportive 
Video:

lOGO corretto

 

 

 

Progetto 10.8.6A-FESRPON-TR-2020 - 104

 

 

Avviso 11978 del 15/06/2020 - FESR - Realizzazione di smart class per le scuole del secondo ciclo.
“Azioni per l’allestimento di centri scolastici digitali e per favorire l’attrattività e l’accessibilità anche nelle aree rurali ed interne” per la realizzazione di smartclass per le scuole del secondo ciclo destinati all’acquisizione di dispositivi digitali."

 

 

Progetto TECNART 

JPKFBU  TMW9YJ                            

Il nostro istituto ha il piacere di informare la comunità scolastica della positiva conclusione di un progetto altamente innovativo (TecnArt), capace di coniugare l’insegnamento dell’arte, l’apprendimento di tecnologie informatiche, lo smart working e il perseguimento di finalità filantropiche, attraverso l’uso della lingua veicolare inglese.

TecnArt, ha permesso a studenti del Liceo Linguistico e del Liceo Scientifico di creare, attraverso l’ausilio della grafica computerizzata, 32 opere digitali originali sui grandi temi della sostenibilità ambientale, della parità di genere, della violenza sulle donne e dell’isolamento sociale.   

Attraverso un approccio di apprendimento tramite il fare (learning by doing) tenuto in lingua inglese, gli alunni hanno realizzato tra l'altro un calendario digitale, una campagna di raccolta fondi a favore di una ONLUS, un’esposizione virtuale presso una galleria d’arte, e una campagna di promozione e disseminazione sui social, con la registrazione di video esplicativi e la pubblicazione di schede di analisi delle opere realizzate.

Si tratta di un progetto di sperimentazione didattica del tutto innovativo realizzato attraverso percorsi pratico-sperimentali integrati nel programma scolastico di storia dell’arte, agevolando lo sviluppo della sensibilità artistica individuale attraverso raffigurazioni che si ispirano in molti casi al Cubismo e al Futurismo e ai punti programmatici di Agenda 2030.

Le opere realizzate sono disponibili ai seguenti links: 

https://www.artaxy.com/preparation/EUXENH

https://www.artaxy.com/preparation/HZLPEC

 

Mentre la campagna di raccolta fondi (ANCORA IN CORSO) è raggiungibile al seguente indirizzo:

www.gofundme.com/f/raccolta-fondi-per-donazione-ad-aisla